Home Eventi ---> Schede Artisti 2014
---> Schede Artisti 2014

14.03. Marco Pandolfi Trio (I)

Classic Blues

Birreria Bavarese Bellinzona, ore 21.30, Entrata libera

Marco Pandolfi, recente vincitore della selezione italiana all’European Blues Challenge 2014, è presente da venti anni sulla scena blues italiana guadagnandosi la stima dei maggiori musicisti blues in Italia e all’estero. Le sue performance ed i suoi dischi sono stati recensiti dalle più autorevoli riviste del settore e la sua musica trasmessa nei programmi radio di tutto il mondo . E’ l’unico musicista blues italiano ad aver partecipato due volte all’INTERNATIONAL BLUES CHALLENGE di Memphis. Ha collaborato con alcuni dei più noti bluesmen a livello mondiale, Ha suonato in Europa e negli Stati Uniti . Nel 2008 è stato l’unico invitato non statunitense al terzo Delta Groove All Star Blues Revue a Clarksdale (Mississippi).

Pandolfi-500


15.03. Egidio “Juke”Ingala& The Jacknives (I) Jump Blues, Swing

Birreria Bavarese Bellinzona, ore 21.30, Entrata 10.- CHF

EGIDIO Juke INGALA & the JACKNIVES sono attivi sulla scena Blues europea ormai da diversi anni, centinaia di concerti tra clubs e festivals, diversi dischi all’attivo proponendo sempre un sound personale e profondo, riconoscibile al primo impatto, diretto e immediato. Le loro apparizioni dal vivo abbracciano quel territorio in cui il Blues si unisce allo Swing, al Boogie e al R&R; un repertorio brillante, divertente, swingante, pieno di umore dalla prima all’ultima canzone. Partendo dallo studio di armonicisti come Little Walter, George Harmonica Smith e Big Walter Horton ha guadagnato in Europa una reputazione invidiabile come innovatore dell’armonica blues, ponendolo come una delle figure che hanno ravvivato la scena dell’armonica blues in Europa. La conferma della grande personalità e caratura di Egidio ci viene dai dischi che ha inciso, dischi che hanno riscosso un ottimo successo da parte di tutta la critica internazionale del settore, arrivando ad essere premiati come migliori album europei nei Awards del Blues.scena blues europea.

I Jacknives sono: MARCO GISFREDI alla chitarra, senza dubbio uno dei più grandi chitarristi blues della scena italiana; MAX PITARDI al basso ed ENRICO SOVERINI alla batteria, conosciuti come una delle più sofisticate sezioni ritmiche blues in circolazione in Italia, il loro sound inconfondibile si sposa perfettamente con il genere Blues & Swing.


22.03. IAN SIEGAL & MIKE SPONZA BAND (UK/I)

Classic Blues/British Blues/ Rock Blues

Birreria Bavarese Bellinzona, ore 21.30, Entrata 15.- CHF

•             Contemporary Album of the Year– BLUES MUSIC AWARDS 2012

•             Male Vocalist of the Year– BRITISH BLUES AWARDS 2011 /12/13

•             Blues Band of the Year– BRITISH BLUES AWARDS 2010 /11/12/13

•             Blues Album of the Year– MOJO magazine 2011

•             British Blues Hall Of Fame - 2013

Eccellente cantante, ottimo chitarrista e compositore originale, IanSiegal è unanimemente considerato uno dei migliori bluesman inglesi di tutti i tempi. La sua attitudine a essere il miglior blues singer inglese s’è incarnata dopo migliaia di show a fianco dei BillWyman’sRhythm Kings, Lee Sankey Group e di tutte le band di spicco del nuovo british blues. Se fosse cresciuto nel panorama musicale degli anni ‘60, oggi con tutta probabilità sarebbe considerato alla pari di artisti come Joe Cocker ed Eric Clapton.

La risonanza ottenuta dalle sue apparizioni nei migliori festival europei lo ha reso un’autentica nuova attrazione nei cartelloni delle kermesse più importanti.
La stampa all’unisono parla di un bluesman, come non se ne vedevano da tanti e molti anni, nemmeno negli Stati Uniti. Questo fuoriclasse cantante-chitarrista ormai va collocato in mezzo a nomi come Tom Waits, Bruce Springsteen, Dr. John, Eric Clapton, John Mayall, Jimmy Page e Robert Plant, per non dire Van Morrison. Basta il commento di un certo Jimmy Vaughan dopo un concerto in cui suonava IanSiegal come gruppo spalla: ...trascinava la folla!... la prossima volta che vengo qui sarà come gruppo spalla di questo talento!

La sua band ha vinto il titolo di Band of the Year nel 2010, ai British Blues Awards. Pluripremiato ai British Blues Awards di quest’anno, la prestigiosa rivista Mojo lo ha definito …uno dei più dotati cantanti e autori del blues contemporaneo. I suoi ultimi album The skinny(2012) e Candy storekids (2013, in compagnia dei fratelli Dickinson dei North Mississippi Allstars) hanno ricevuto per due anni di fila la nomination come Best Contemporary Album ai WC Handy Blues Music Awards negli U.S.A. IanSiegal, nel corso degli ultimi 5 anni, ha collaborato con il “gotha” del blues mondiale e molte parole sono state spese per descrivere lo stile di questo artista. Da Bill Wyman a Jeff Beck, da John Lee HookerJr. a JimmieVaughan, il verdetto è unanime...è un grande! La prestigiosa rivista musicale americana “MOJO MAGAZINE” ha classificato il suo ultimo album come miglior CD di blues del 2013, a livello mondiale, definendo Ian “One of the mostgiftedsingers and songwriters in contemporary blues”. La sua popolarità lo porta ad esibirsi in tutto il mondo.

IanSIegal

MIKE SPONZA

Il "guru del blues italiano" (Corriere della Sera nel 2009), "il piu' visionario bluesman europeo" (la rivista inglese Blues Matters 2010): questi alcuni tra gli entusiastici appellativi che Mike si e' guadagnato negli anni da parte dei media, assieme a numerose recensioni a 5 stelle, interviste e copertine sui piu' autorevoli magazine europei, musicali e non. Mike Sponza celebra i trent’anni di musica con il nuovo progetto “Central European Orchestra", inedita e innovativa iniziativa discografica che vede coinvolti, oltre alla sua storica band, un’orchestra di 35 elementi. Mike  consolida così ulteriormente la sua immagine sulla scena blues internazionale. Dopo anni d'intensa carriera artistica - che lo hanno visto on stage nei piu' blasonati festival dedicati al blues - e discografica, si conferma, senza alcun dubbio, come uno dei protagonisti di maggior spicco del blues europeo. La fortunata partnership musicale (artistica) con Bob Margolin, il leggendario membro della MuddyWaters Band, si e' concretizzata in quattro intensi tour da un capo all'altro dell'Europa, con concerti "sold out" in molte nazioni. Granitica la spina dorsale della Mike Sponza Band, che si avvale di una sezione ritmica tra le piu' "robuste" d'Europa. Vale a dire, Mauro Tolot al basso e Moreno Buttinar alla batteria.

Mike-Sponza-2-500


29.03. CHARLES MACK & LUCA GIORDANO BAND(USA/I)> Soul/Blues/R&B

Birreria Bavarese Bellinzona, ore 21.30, Entrata 10.- CHF

Direttamente da Seattle, dalla band di Koko Taylor, Lucky Peterson, James Cotton e tantissimi altri mostri sacri del scena afroamericana, MR CHARLES MACK incontrerà la LUCA GIORDANO BAND per un tour all'insegna del Soul/Funk/RnB/Blues nei migliori club del circuito europeo.

Tra i bassisti più richiesti sulla scena americana, dalla voce calda e soft che ricorda Ben Harper, Charles Mack proporrà brani inediti tratti dal suo ultimo album "Be My CrazyDream" insieme a classici e brani di repertorio coinvolgenti di Luca Giordano e della sua Band. L'alchimia offre una serata coinvolgente con alta carica di carisma e personalità, inchiodando il pubblico per due ore di musica di altissimo livello.

CharlesMack

CHARLES MACK

Charles Mack, già conosciuto come bassista di Lucky Peterson e del Grammy Award Winner James Cotton, ha condiviso il palco con numerosissimi artisti di livello internazionale cimentandosi con diversi generi musicali; come ad esempio gli "InflatableSoule" affermata band americana di alternative rock, i Cypress Hill per quanto riguarda l'ambito del rap, Koko Taylor, Buddy Guy, Marcus Miller,. Otis Taylor, ShemekiaCopeland, Otis Rush, Maria Muldaur, Marcia Ball, Bernard Allison, Johnny Winter, Jimmy Johnson, Kenny Neal nel circuito del Soul, Blues e Jazz. Dalla fusione delle diverse esperienze nei diversi ambiti musicali durante tutta la sua carriera Charles Mack ha sviluppato una incredibile ed unica identità che emerge nettamente ad ogni sua performance anche grazie alla sua voce calda e soft che ricorda Ben Harper.Un percorso attraverso una varietà di sensazioni ed emozioni, il tutto assaporando diverse sfumature soul, funk, blues, rock, R&B e folk.

LUCA GIORDANO

Nato a Teramo, Italia, nel 1980, Luca Giordano inizia la sua avventura con la chitarra all'età di circa 20 anni, sviluppando anno dopo anno il proprio stile grazie ad una profonda passione per il Blues. Dopo un primo periodo in Italia suonando con la sua prima band i “Jumpin' Eye Blues Quintet”, si trasferisce a Chicago dove, dopo un lungo periodo di intensa gavetta, intraprende diverse collaborazioni con artisti del panorama Blues. Suona con la LesGetrex Band, chitarrista di Fats Domino, con la fantastica cantante Sharon Lewis and Texas Fire, con il leggendario JW Williams per più di un mese come sostituzione al suo eccezionale chitarrista ShunKikuta, in quel momento in tour con Koko Taylor. Durante questo ultimo periodo suona nei migliori club e Festival statunitensi ed europei con la sua band ed anche come sideman per leggende del Chicago Blues come il pluripremiato bassista Bob Stroger, con Willie “Big Eyes” Smith, batterista di MuddyWaters, Jimmy Burns e JW Williams. Luca Giordano ha suonato al Chicago Blues Festival 2008 con Mr James Wheeler e nel 2011 con Eric Guitar Davis, al Virginia Beach Blues Festival con Willie Big Eyes Smith e Bob Stroger, al Bejar Blues Festival ed altri Festival della Spagna, al Trasimeno Blues Festival con Jimmy Burns ed alla Casa Del Jazz Villa Celimontana con JW Williams ed altri.

05.04. RUDY ROTTA BLUES BAND (I)

Birreria Bavarese Bellinzona, ore 21.30, Entrata 10.- CHF

http://www.youtube.com/watch?v=uVfJB5rjF-w

RUDY ROTTA Chitarrista, cantante, storico blues man della scena italiana, ma soprattutto europea e internazionale.

Prende a esibirsi quasi esclusivamente all’estero, sviluppando un percorso artistico che è una inarrestabile scalata verso l’olimpo mondiale del blues. Oltre a rivelare superlative qualità  di frontman della sua strepitosa band, instaura via via una serie di collaborazioni con mostri sacri del calibro di B.B. King, John Mayall, Etta James, Brian Auger, TajMahal, solo per fare alcuni nomi. E con ciò il suo futuro è sempre più a stelle e strisce.

A dir poco altisonanti gli apici della sua carriera, in particolare dagli anni Novanta in poi.

Nel gennaio 1997 partecipa alla Ultimate R&B Cruise nei Caraibi, accanto a leggende quali Etta James, FabolousThunderbirds, TajMahal. Sempre nel ‘97 partecipa al Kansas City Blues Festival, dividendo il palco con Al Green, TajMahal, Brian Seltzer: e, con la sua esibizione, manda in visibilio i 20.000 spettatori presenti. Gliene deriva l’incoronazione all’European’s Top Act, ovvero massimo referente del blues europeo, che si traduce subito in un nuovo volo verso Kansas City, dove, al GrandEmporium (l’Olympia americano!), partecipa alla registrazione dell’album Live in Kansas City.

A partire dal 2000 lo accompagna anche il mitico hammondista Brian Auger in ben cinque tour europei, sfociati nella registrazione di un CD live.

Nel 2004 esce l’album Some of my favorite songs, registrato in collaborazione con Brian Auger, John Mayall, Robben Ford, Peter Green, e che include capisaldi della musica pop, blues e rock anni ‘70. È del 2006 la registrazione a New Orleans del cd Winds of Louisiana, con il fior fiore dei musicisti americani. La stampa internazionale considera l’album un capolavoro e si   cura, di conseguenza, di annoverare Rudy fra i migliori artisti blues a livello internazionale - cosa mai successa prima a un musicista europeo non britannico.

Nel 2009 esce uno dei suoi capolavori Blue Inside, un CD potente ed intimista dalle sonorità  rock che spazia dalle ballads al blues con venature funky.

La sua discografia culmina, nel 2012, nel doppio cd Me, my music and my life, editato in occasione dei quarant’anni di attività  musicale e che racchiude il meglio della sua produzione ad oggi. Accanto a tutto ciò ben cinque partecipazioni al Montreux Jazz Festival, due delle quali come ospite di B.B. King, la partecipazione alla crociera Mississippi Boat celebrating B.B. King, la presenza al Premio Tenco con Lowell Fulson, uno dei grandi maestri del blues, a cui venne consegnata la targa del Premio.

Nel dicembre 2012 ha nuovamente ‘ onore di essere come ospite sul palco di John Mayall nelle sue due uniche date italiane del suo tour europeo.

Rudy_Rotta-02-600

12.04. EDEN BRENT (USA)

Birreria Bavarese Bellinzona, ore 21.30, Entrata 10.- CHF

EDEN BRENT Straordinaria cantante e pianista del Mississippi, vincitrice di ben tre Blues Music Award, nel 2009 come Miglior Album e Miglior Artista Acustico dell’anno e nel 2010 come Miglior Pianista Blues e Miglior Voce nello Stile Delta Blues. La scuola di musica, l’insegnamento del boogie-woogie da parte un vecchio di colore, BoogalooAmes, una potente voce roca hanno contribuito a creare la sua affascinante fusione di jazz, blues e soul tanto che la critica internazionale parla di Eden Brent come di una Bessie Smith che incontra Diana Krall e Janis Joplin. Una stella internazionale, la cui attitudine jazz e pop è accostata a quella di Sarah Vaughn e Norah Jones. Dopo Mississippi NumberOne, il cd tributo alla grande musica della sua terra, presenta a Bellinzona il nuovo album Ain’t Got No Troubles.

EdenBrent-1000


26.04. DAVE SPECTER BAND feat. LURRIE BELL (USA)

feat. Brother John, Harlan Terson, Michael Schlick

Birreria Bavarese Bellinzona, ore 21.30, Entrata 15.- CHF

LURRIE BELL

Lurrie Bell è cresciuto in un ambiente dove il blues era letteralmente di casa: suo padre, il leggendario armonicista Carey Bell invitava spesso a casa sua musicisti del calibro di Eddy Taylor, Eddie C. Campbell, Jimmy Dawkins, Eddie Clearwater, Big Walter Horton, SunnylandSlim, Lovie Lee.

Nato nel 1958, Lurrie Bell ha quindi il blues nel suo DNA ed imbraccia la sua prima chitarra a soli 8 anni, forma il suo primo gruppo all’età di 15 anni e nel 1977, contribuisce alla nascita dei Sons of Blues con Billy Branch. Ha registrato più di 70 dischi con numerosi artisti della scena blues di Chicago, molti dei quali accompagnato dal padre Carey Bell all’armonica. Probabilmente Lurrie Bell è uno dei musicisti di Chicago di cui si è parlato di più ultimamente in Europa. Il padre Carey Bell, insieme ai fratelli Cary Jr. e Steve, fanno parte del patrimonio musicale e della storia del Blues urbano di Chicago. Questa realtà è affermata dalla considerazione tributatagli a livello di festival, di locali live e dai discografici.

Lurrie Bell si pone oggi come simbolo ed esempio di spontaneità e di genuinità che sfugge alle regole del business musicale e si alimenta della propria energia. Oggi lo spettacolo offerto da Lurrie Bell e la sua band è definito come uno dei più coinvolgenti e autentici concerti di Blues a cui si possa assistere, di notevole impatto è lo stile chitarristico, fresco e vitale, che unitamente alle doti vocali di Lurrie rende veramente unica la performance di questo Artista.

LurrieBell-1000


DAVE SPECTER

DaveSpecter, chitarrista Blues proveniente da Chicago, bandleader e produttore, ha guadagnato una notevole reputazione internazionale essendo uno dei migliori talenti della scena Blues contemporanea al pari di chitarristi quali Ronnie Earl, Duke Robillard e JimmieVaughan. Al suo attivo ha numerosi cd, come band leader, come session-man e come produttore.

Brother John. Brother John Kattkeè un vocalist, chitarrista e pianista di primo piano della scena blues di CHicago. Ha praticamente suonato e registrato con l’Olimpo del blues mondiale: Eric Clapton, Maceo Parker, Black Crowes, George Benson, Buddy Guy, Koko Taylor, Otis Rush

Harlan Terson. Insieme a FeltonCrews è il bassista più richiesto della scena blues di Chicago. Un’autentica star del basso che ha condiviso i palchi e gli studi registrazione con i più grandi bluesman del ventesimo secolo:

Lonnie Brooks, Otis Rush, Bo Diddley, Magic Slim, Albert Collins, SunnylandSlim, John Littlejohn, Eddy Clearwater, Jimmy Rogers, Kim Wilson, Duke RObillard, Big mama Thornton, Jimmy Johnson, Willie Smith, e la lista potrebbe continuare a lungo....

Michael Schlick. Batterista attivo sulla scena blues di Chicago da oltre 30 anni, ha suonato con il gotha dei musicisti della Windy City: Junior Wells, Buddy Guy, Alber Colins, ecc...

10.05. RG BAND (I)

Birreria Bavarese Bellinzona, ore 21.30, Entrata 10.- CHF

L’obiettivo della RGBand è “distillare” il Blues attraverso influenze musicali che guardano ai Latin Groove, allesonorità Tex-Mex (ritornate popolari nelle colonne sonore dei film di Quentin Tarantino) e al sound moderno di New Orleans, mescolando arrangiamenti evocativi di Roots-Rock e Blues, insieme a composizioni originali, RGBand ha creato un originale sound, modernoedintrigante, a supportodella voce “whiskey soaked” di Riccardo e ad un personale stile armonicistico, forgiato dallo stile Stax Volt di Stefano Pagotto, il basso rotondo dinamico e rassicurante di Massimo Fantinelli e la batteria costruita su un impronta Delta Blues, influenzata da Jazz e Funk, di Marco Manassero.

Seguendo questo obiettivo, Riccardo dal 2008 al 2010, ha avuto vita molto attiva a New Orleans. Il tour del 2008 dove ha suonato con Jumpin Johnny Sansone (divenuta collaborazione stabile nel 2010, quando Riccardo ha vissuto nella “Big Easy” - dopo esserci tornato nel 2009), per poi spostarsi dall’amico e ispiratore Charlie Musselwhite, in California, per volare poi insieme alla SPAH Convention di St. Louis dove Riccardo era l’unico italiano invitato, quell’anno. Nel 2010, inoltre, partecipa al “Annual Jumpin’ Johnny’s Big Blues Harmonica Show” insieme a Adam Gussow, Andy J. Forest, Bruce “Sunpie” Barnes al Chickie Wah Wah a New Orleans.

Stefano Pagotto collabora con “I Belli di Waikiki” – unaTiki Rock Band con la quale suona in tutta Europa, in Texas e Florida, oltre ad essere stata la studio band del TV Show “I Solati”, parodia de “L’isola Dei Famosi” con Max Giusti e aver suonato a “Meno Siamo Meglio Stiamo” con Renzo Arbore entrambe trasmissioni RAI.

Massimo Fantinelli è una figura storica del Blues italiano. Oltre ad aver suonato con Tolo Marton e nella Guido Toffo letti’s Blues Society (con la quale ha partecipato allo storico programma RAI “DOC” di e con Renzo Arbore, tra gli ospiti dello show, nelle varie puntate, c’erano nomi quali Robben Ford, Joe Cocker, oltre ad un giovanissimoAlex Britti), ha suonato in tour con artisti di rilevanza internazionale come Paul Jones, Dick Heckstall-Smith, Alexis Korner e aver apertoi concerti diJohn Mayall.

Marco Manassero si è forgiato stilisticamente meritando di lavorare con artisti del calibro del cantante e armonicista Texano Greg Izor, del chitarrista e cantante di New Orleans 19th Street Red, del chitarrista blues e songwriter Sean Carney.

La combinazione di queste esperienze – unite al sound personale che si ispira al Roots- Rock – crea la dimensione adatta all’espressione RGBand che si esprime nel nuovo album “Right Now” - disponibile da Marzo 2014 che Charlie Musselwhite (leggendario armonicista che ha appena vinto un Grammy Award con Ben Harper) ha commentato con un “E’ STRAORDINARIO!!!”.

RGBand2014-600

 

17.05. THE BLACKBERRY BRANDIES (CH)

Birreria Bavarese Bellinzona, ore 21.30, Entrata 10.- CHF

Il blues si sà, è la radice di molti generi musicali, e I Blackberry

Brandies rappresentano sicuramente una delle moderne evoluzioni. Al

primo ascolto si potrebbe pensare che il genere proposto non abbia nulla

di che spartire con la musica afroamericana, ma le radici sono ben presenti nelle sonorità che richiamano quelle tipiche del Delta fino a espandersi nei diversi generi della cultura musicale del Nord America: roots, folk, pop, rock, country, e Americana. I Blackberry Brandies sono un gruppo originario di Basilea che ruotano attorno ai due fondatori Bettina Schelker (ex campionessa svizzera di boxe, muusicista, attivista politica e self-made woman) e Thomas Baumgartner (attivo sulla scena rock'n'roll e hard rock europea da oltre 20 anni e produttore musicale) e formato da musicisti con alle spalle anni di concerti nei 5 continenti (alla batteria troviamo Marco Caco Brander, batterista dei MoreExperience di Marcel Aeby)! Le sonorità della loro musica rimandano a un mix di Tracy Chapman,Lynyrd Skynyrd, Annie Lennox,....

Attualmente il gruppo è considerato una delle più promettenti realtà del panorama musicale svizzero, tanto è vero che Mr. Eric Clapton li ha voluti lui stesso come opener band durante I suoi concerti alle Baloise Sessions 2013!

Durante i mesi di marzo e aprile sono stati in tour negli Stati Uniti, a presentare il loro ultimo lavoro discografico "Love...and the gun"! che avremo il piacere di ascoltare anche a Bellinzona. Una piccola pausa dalle classici 12 battute del blues per addentrarci in un territorio ricco di stili e influenze musicali che sapranno sicuramente appassionare e sorprendere il pubblico presente anche grazie all'alta qualità della musica proposta e alla bravura di ogni singolo musicista.

Una serata fuori dai soliti schemi ma che vale veramente la pena di venire ad ascoltare (anche Eric CLapton disse la stessa cosa quando li ha voluti come opening band..:-)

Bettina Schelker -- Vocals, Guitars

Thomas Baumgartner -- Vocals, Guitars

Martin Buess: Guitars

Pascal Grünenfelder: Bass

Caco Brander: Drums

bettina-600

BBBpress-500

28.05. CEDRIC BURNSIDE PROJECT (USA)

Birreria Bavarese Bellinzona, ore 21.30, Entrata 10.- CHF

Nipote del leggendario R.L.Burnside e figlio del batterista Calvin Jackson, Cedric Burnside è considerato uno tra i migliori batteristi del mondo. Ha iniziato a suonare a 13 anni sotto l’ala protettiva del nonno che lo volle in tour con lui. Nato a Holly Springs nel profondo Mississippi, Cedric è musici¬sta fin dalla nascita con uno stile unico che fonde più stili musicali dal blues ed il funk all’ hip-hop. Nella sua intensa carriera ha collaborato con Junior Kim¬brough, Kenny Brown, North Missis¬sippi Allstars, Burnside Exploration, Bobby Rush e WidespreadPanic.

Già presente nell’ultima edizione di Piazza Blues in duo con il chitarrista Lightnin’ Malcolm, arriverà a Bellinzona per un concerto esclusivo Svizzero, a presentare il nuovo progetto musicale CEDRIC BURNSIDE PROJECT accompagnato dal chitarrista e amico Trenton Ayers. Una serata sicuramente da non mancare che farà rivivere le

Sonorità tipiche delle Hills del Mississippi con i suoi ritmi ipnotici e coinvolgenti. A fare da opening a questa spettacolare serata saranno tre bluesman di casa nostra che non hanno certo bisogno di presentazioni: BatBattiston (che ha suonato anche a casa del nonno di Cedric, R.L.Burnside, a Holly Springs MS), Angelo “Leadbelly” Rossi (considerato il più grande esponente del Delta blues in Italia) e Marco Marchi (chitarrista e cantante del gruppo Marco Marchi & The Mojo Workers, con il quale porta la sua musica attraverso tutta l’Europa)

Burnside-A-600

Burnside


31.05. CLIVE BUNKER feat. Riki Massini & The Bonus Track Band (UK/I)

Birreria Bavarese Bellinzona, ore 21.30, Entrata 10.- CHF

CLIVE BUNKER fu il primo batterista del gruppo storico rock dei Jethro Tull. Ha contribuito ai primi 4 album del gruppo, compreso Aqualung. Nato a Luton (a nord di Londra) il 30 dicembre 1946, Clive Bunker nel 1967 suonava insieme a Mick Abrahams nei McGregor's Engine, una delle tante band inglesi che diede vita al blues revival nella seconda metà degli anni Sessanta. In quell'anno avvenne l'incontro con Ian Anderson e Glenn Cornick, e i quattro diedero vita ai Jethro Tull. Bunker, batterista solido, dotato di buona tecnica ma soprattutto di grande gusto e dinamismo, fu il "ritmo" dei primi quattro album dei Jethro, da ThisWas (1968) al celebre Aqualung (1971) passando per Stand Up (1969, dove ebbe modo di dimostrare la propria ecletticità alle percussioni) e Benefit (1970). Sua la "firma" inconfondibile di grandi classici come "My Sunday Feeling", "Nothingis Easy", "Bourrée", "To CryYou a Song", "Cross-eyed Mary", "Aqualung" o "Locomotive Breath, per citare i successi più noti dei primi Tull. Lasciò i Jethro all'apice del successo per una vita più tranquilla ma senza smettere di suonare: formò infatti dapprima i Jude con l'ex chitarrista dei ProcolHarum Robin Trower e - dopo una pausa - dal '74 ha suonato in innumerevoli band del panorama blues-rock inglese, senza mai perdere di vista l'attività dei Jethro (il suo carattere mite e bonario gli ha fatto mantenere ottimi rapporti con Anderson e compagni). Ricercato session-man o membro full-time, ha suonato dapprima con i BlodwynPig, quindi con Steve Hillage (in tour nel '76) prima di formare gli Aviator, band che collezionò due album e un discreto successo (Mick Rogers, della Manfred Mann's Earth Band era il chitarrista) prima di sciogliersi.

La lista di collaborazioni di Clive negli anni '70 e '80 è lunga: si va da Steve Howe (Clive è nel primo album del chitarrista degli Yes) agli ElecricSun di UliJon Roth, ai PoorMouth e gli stessi Manfred Mann. Clive ha anche lavorato su alcuni video didattici per batteria (DrumTuition, 1995 tre volumi) e non ha mai smesso di suonare insieme all'amico Mick Abrahams, sia nei progetti solisti che con i BlodwynPig.. Recentemente Clive ha suonato con la prog band Solstice (due cd all'attivo), con la cantautrice Vikki Clayton, ha preso parte al progetto Eleanor Rigby e soprattutto nel 1998 ha pubblicato "Awakening", il suo primo album solista in cui suonano Ian Anderson e Martin Barre.

A Bellinzona sarà accompagnato dalla Bonus Track band capitanata da Riki Massini alla chitarra.

RIKI MASSINI attivo con i BONUS TRACK dal 2001, suona in Italia,

Regno Unito, Svizzera, Irlanda, Olanda, Norvegia e Francia.

Ha avuto l'onore di suonare con GARY PICKFORD HOPKINS (RICK WACKEMAN, WILD TOURKEY), LOUISIANA RED, TOMMY EMMANUEL, TOLO MARTON, EUGENIO FINARDI, GRAHAM WALKER (batterista di GARY MOORE), GLEEN CORNICK (JETHRO TULL, WILD TOURKEY) e più di un'occasione con i grandi amici MICK ABRAHAMS e CLIVE BUKNER dei primi JETHRO TULL e BLODWYN PIG.

Nell'estate 2008 è invitato a Londra da ABRAHAMS per registrare dal vivo il "MICK ABRAHAMS 65th BIRTHDAY GIG PARTY", concerto diventato anche DVD. Un grande evento nel quale ha suonato con ospiti come PAUL JONES (THE BLUES BAND), ELIOTT RANDALL (THE DOBBIE BROTHERS), GEOFF WHITHEHORN (ROGER DALTREY BAND, PAUL RODGERS BAND), SHARON WATSON, i membri originali dei BLODWYN PIG, il tutto con una sezione ritmica storica, GRAHAM WALKER (batterista di GARY MOORE), e JOHN (GUINNESS) GORDON grande bassista già con ERIC CLAPTON.

Vari passaggi in Radio tra cui: THE ALAN THOMPSON SHOW BBC RADIO in Inghilterra, mentre in Italia LIFE GATE e ROCK FM, nelle trasmissioni del mitico FABIO TREVES.

Nell'Ottobre 2009 calca uno dei palchi piu' famosi al mondo, THE CAVERN CLUB di Liverpool, per l'annuale concerto dedicato al mitico RORY GALLAGHER.

Varie le partecipazioni tra i più importanti Festival tra cui:

BLUES TO BOP (CH), PISTOIA BLUES FESTIVAL (IT), RORY GALLAGHER INTERNATIONAL FESTIVAL in UK, IRE e NL, CORK ROCKS FOR RORY (IRE), TORRITA BLUES FESTIVAL (IT), MONTI BLUES (IT), ROOT'S AND BLUES (IT), VICENZA BLUES FESTIVAL (IT), BORDIGHERA JAZZ AND BLUES FESTIVAL (IT), PIGNOLA BLUES FESTIVAL (IT), NISTOC UNA MONTAGNA DI MUSICA (IT), AMENO BLUES FESTIVAL (IT), CASTELFRANCO BLUES FESTIVAL (IT), BLUES RIVER FESTIVAL (IT), ROSSO & BLUES FESTIVAL (IT) e molti altri.

Apertura a Big internazionali tra cui: JOE COCKER, JETHRO TULL, JOE BONAMASSA, LOUISIANA RED, TAJ MAHAL, KENNY NEAL, WATERMELON SLIM, IKE TURNER, TREVES BLUES BAND, SCOTT HENDERSON, TOLO MARTON, RUDY ROTTA, NINE BELOW ZERO, OTIS TAYLOR, ERIC BELL (THIN LIZZY), BARRY McCABE, MICK TAYLOR e molti altri.

Ha frequentato Clinics del prestigioso BERKLEE COLLEGE OF MUSIC di Boston tenute a Perugia, dove ha avuto il piacere di studiare con il grande JIM KELLY, già professore di molti chitarristi tra cui MIKE STERN.

Altre ma non meno importanti, le clinics con mostri sacri quali TOMMY EMMANUEL, TUCK ANDRESS ed il Newyorkese RORY STEWART.

clive

 

27.6 JAMES "SUPER CHIKAN" JOHNSON

cjfhbjfh-600


"Il suo show può iniziare con alcune vecchie canzoni fino ad arrivare al più autentico blues del momento, è uno dei migliori artisti che tu possa vedere dal vivo, un vero inferno dalla testa ai piedi.
Uno spettacolo da non perdere sia per l'originalità che per il puro divertimento del suo spettacolo."

Vincitore del Blues Music Award come "American blues musician", James "Super Chikan" Johnson è un'artista e creatore di chitarre con sede a Clarksdale, Mississippi nonché il nipote del grande musicista blues Big Jack Johnson. Nato il 16 febbraio del 1951 a Darling, Mississippi, trascorre tutta la sua infanzia tra una città e l'altra del Delta e lavorando nella fattoria di famiglia.
Il suo sopprannome "Chikan Boy" gli viene dato dagli amici proprio per la sua abitudine di passeggiare per i campi chiacchierando con i polli, in attesa di diventare abbastanza grande per poter lavorare.

Ancora ragazzo costruisce il suo primo rudimentale strumento, un "diddley bow", costituito semplicemente da un pezzo di legno e un filo metallico teso da un'estremità all'altra; crescendo trova nuovi modi per migliorare il suo prototipo e variarne i suoni fino a quando, nel 1964, ancora tredicenne, acquista la sua prima chitarra da un negozio
dell'Esercito della Salvezza a Clarksdale, un modello acustico con sole due corde.

Ormai adulto, diventa autista di camion per guadagnarsi da vivere, ed è durante i suoi viaggi di lavoro che comincia a comporre canzoni che, fatte ascoltare agli amici, lo convincono ad andare in studio di registrazione per produrli, comincia quindi a suonare con i più rinomati musicisti locali ma il suo desiderio è di suonare proprie canzoni e definire un proprio stile musicale e possiamo dire che ci riesce.

Nel 1997 pubblica l'album Blues Come Home to Roost che, influenzato da artisti quali Muddy Waters, John Lee Hooker, and Chuck Berry sarà il primo di una serie di lavori: What You See (2000), Shoot That Thang (2001), Chikan Supe (2005), Sum Mo Chikan (2008), Chikadelic (2009) con il quale viene premiato ai Blues Music Award come Traditional Blues Album e l'ultimo
lavoro Welcome To Sunny Bluesville che, registrato al XM / Sirius Satellite Radio (uno dei più innovativi studi di Washington), propone sia pezzi di Super Chikan da solista che accompagnato dalla sua band The Fighting Cocks.

Nell'area di Clarksdale è probabilmente il più conosciuto, sia come il preferito artista blues di Morgan Freeman, sia per le regolari esibizioni al Ground Zero blues club del suddetto.
Si è esibito a numerosi festivals in Africa, Islanda, Giappone, UK, Danimarca, Canada, Messico, Finlandia, Francia, Italia, Olanda, Norvegia, Polonia, Russia e Svizzera, ed anche per il presidente degli Stati Uniti d'America.

Recentemente è stato nominato ai Blues Foundation, per il secondo anno di fila, come BB King Entertainer of the Year e Traditional Male Blues Artist, lo scorso anno ha avuto l'onore di essere nominato per ben 4 awards: BB King Entertainer of the Year, Song of the Year per "Fred's Dollar Store", Traditional Blues Male Artist, e ha vinto il BMA come Traditional Blues Album of the Year con Chikadelic, nominato nel 1998 come Best New Artist Blues Music ha ricevuto cinque premi al Living Blues Critics Awards e, nel 2007, ha ricevuto il
premio Mississippi Governor come Excellence in the Arts.

Super Chikan è un chitarrista, compositore e produttore estremamente creativo ma prima di tutto è un artista, uno dei più originali e inventivi artisti della scena odierna, nella sua musica puoi ascoltare le sue influenze che lui prende e infonde alla sua originalità e spontaneo divertimento creando una superba personalità.


 
Copyright Società Cooperativa Paso